ASP CATANIA : Ospedale di Acireale e l’arte dell’improvvisazione

Quello che è accaduto in questi giorni presso l’Ospedale di Acireale ha dell’incredibile, ma purtroppo, la realtà ha superato ogni limite di lucida immaginazione. E’ così, i vertici dell’ASP anziché fare quello per cui sono profumatamente retribuiti, ossia programmare e organizzare con competenza i servizi sanitari, hanno deciso improvvisamente in data 01/11/2020 la conversione a Covid-Hospital del nosocomio di Acireale.

Per NurSind, una decisione improvvida e irrazionale, che ha causato notevoli disagi per la sicurezza dei lavoratori e marcate criticità irrisolte per quanto concerne l’assistenza sanitaria. Puro atto d’improvvisazione che diserta tutte le applicazioni in materia di sicurezza e di protezione della salute.

Tale decisione non considera minimamente che la conversione in reparti Covid comporta che gli stessi a regime reclamino una dotazione organica che per tipologia si attesta a quelle in essere presso le unità di terapia semintensiva o di malattie infettive. Pertanto ad ogni modulo di 12 posti letto si dovrebbero assicurare almeno 24 infermieri e 12 unità di supporto OSS.

Nessun preavviso è giunto al personale che è stato scaraventato a prestare servizio senza nessuna adeguata formazione e addestramento atte a ridurre il rischio biologico e contenere il contagio da Covid. Nessun accertamento sanitario preventivo al fine di accertare l’idoneità fisica è stato fatto dal Medico Competente.

Dunque, una sordida vicenda decisionale che ha impattato in maniera negativa su tutto il personale sanitario coinvolto, che ha generato paura e frustrazione. Siamo di fronte a decisioni verticistiche “ansiogene” che sommate ad una mancata e concreta valutazione del rischio clinico determinano un pericoloso mix pronto a generare eventi avversi. Un pericoloso mix che, come NurSind non possiamo ne condividere, nè in alcun modo suffragare.

Uno sforzo umano che si traduce in aumento di stress psico-fisico che, non solo diventa usurante per gli operatori, ma aumenta di molto le possibilità di errore e di contagio. Le superiori ragioni, esemplificano una situazione, sicuramente disagevole per i lavoratori e potenzialmente pericolosa per gli stessi nonchè per i pazienti e dunque meritevole di una urgente attenzione e definizione.

L’arte dell’improvvisazione appartiene al mondo dello spettacolo, ed è li che bisogna lasciarla. Al mondo sanitario appartiene ben altro. Purtroppo però, questo tipo di vicende rendono palese che taluni anche in sanità vogliono fare spettacolo, improvvisando…male.

The following two tabs change content below.

Emilio Benincasa

Infermiere presso U.O.C. Chirurgia Generale ARNAS Garibaldi Centro CT Dirigente sindacale NurSind. Da diversi anni impegnato nel Sindacato per il riconoscimento dei diritti della professione infermieristica e più in generale del lavoro e dei lavoratori. "QUALCUNO SI CREDE PIU' GRANDE DI TE SOLO PERCHE TU SEI IN GINOCCHIO: ALZATI !!" L.M. Prudhomme

Lascia un commento