Il 2021 Sarà l’anno del Rinnovo Contrattuale ? La Previsione attuale sulle retribuzioni.

Fonte:  www.infermieristicamente.it Rapporto semestrale 1_2020_sito

E’ stato reso noto dall’Agenzia per la Rappresentanza negoziale delle Pubbliche amministrazioni -Aran,  il nuovo numero del “Rapporto semestrale Aran sulle retribuzioni dei pubblici dipendenti”, che fornisce, a conclusione della stagione contrattuale 2016-2018, la sintesi sulla tempistica dei rinnovi con la specifica delle singole fasi e tappe procedurali (sia per le aree dirigenziali che per il personale dei comparti).

Sulla base dei dati di Contabilità Nazionale Istat, il Rapporto mostra gli effetti di tali rinnovi contrattuali sulle retribuzioni di fatto, sia in una prospettiva temporale che di confronto con i settori privati. I dati evidenziano un tasso medio di crescita nel periodo 2015-2019 dell’1,5% a fronte dello 0,9% del settore privato.

Nel quinquennio precedente, 2015-2010, le retribuzioni nel pubblico hanno avuto un arretramento dello 0,5%, a causa del blocco dei contratti, contro una crescita dell’1,4% nel privato( governo Berlusconi, Monti e Poi Renzi). 

Guardando invece al ventennio 2000-2019, la crescita media nella PA è stata del 2% che si confronta con un 2,1% per il privato.

Il Rapporto inoltre, dedica una sezione i rinnovi del periodo 2019-2021, con l’aggiornamento del quadro delle risorse finanziarie stanziate nelle ultime tre leggi di bilancio. Con la legge di bilancio del 2021, lo stanziamento complessivo a regime su tutta la PA ha raggiunto la cifra complessiva di 6,8 miliardi di Euro (nel precedente triennio 2016-2018 le risorse complessive per tutta la PA sono state pari a circa 5,4 miliardi di Euro), corrispondente a incrementi del 4,07% e ad incrementi complessivi medi mensili a regime di 107 euro per le amministrazioni statali.

Di particolare rilievo l’ultima sezione del Rapporto, dedicata alle retribuzioni relative all’ultimo rinnovo contrattuale, ai dati, aggiornati a settembre 2020, sulle retribuzioni contrattuali mensili (cioè le componenti fisse della retribuzione, la cui dinamica risente in modo diretto degli incrementi definiti a livello di contratto nazionale).

Sulla carta l’aumento in busta paga è stato di 107 euro ma questo importo è al lordo dell’elemento perequativo (lo strumento di adeguamento delle buste paga dei lavoratori con redditi più bassi). E’ chiaro che questa cifra non ci soddisfa ma il tutto dovrà essere ridiscusso all’interno delle contrattazioni dei vari comparti al fine di determinare gli importi definitivi.

Inoltre nel contratto Comparto Sanità  come da legge di bilancio del 2021 dovrà essere inserita un’ indennità professionale specifica, frutto della lotta sindacale di  NurSind, che si andrà ad aggiungere agli importi che in via definitiva saranno determinati. Siamo in attesa della ripartenza della contrattazione collettiva nazionale, per avere entro il 2021, un contratto degno che finalmente dia riscontro ai desiderata di chi è stato in prima linea contro la pandemia. Noi saremo pronti a fare la nostra parte e gli infermieri hanno il dovere di sostenerci.

The following two tabs change content below.

Salvo Vaccaro

Segretario Provinciale NurSind Catania - Componente Direzione Nazionale NurSind. Da 20 anni impegnato nella tutela e valorizzazione della professione e dei professionisti infermieri. "L'amore per la professione mi ha spinto sui passi dell'autorappresentanza"
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NurSind Catania

Pagina Facebook NurSind Catania ufficiale


This will close in 30 seconds