image_pdfimage_print

Forse bisognerebbe definirlo Servizio In-Sanitario Nazionale, quello che compiendo il 40° anno e ispirato al raggiungimento del diritto alla giustizia e all’eguaglianza delle cure, lo vede oramai al crepuscolo della sua storia.

Con le recenti richieste di autonomia avanzate da diverse Regioni, le stesse potranno cantare e suonare la sanità che vogliono, con poteri esclusivi su: personale, farmaci, governance, fondi integrativi, tariffe, servizi, formazione.

Dunque, lo Stato abdica al proprio ruolo di garante mantenendo per sé una cornice, quella dei L.E.A. (Livelli Essenziali di Assistenza), che a ben guardare, a tutt’oggi non sono erogati e rispettati in maniera uniforme in tante regioni del Paese. In Sicilia, ad esempio, come ho avuto modo di scrivere in passato, i livelli essenziali risultano essere livelli eventuali di assistenza.

Una cornice, dunque, lacerata e frammentata che, cerca di sostenere un quadro sanitario indefinito e fosco, nel quale ogni Regione potrà privatizzare i propri servizi, potrà fare contratti su misura per i propri operatori, potrà gestire la sanità con aziende uniche, centralizzate, o di altro tipo, potrà avere propri operatori specifici, potrà formare il personale come riterrà opportuno.

Ciò, rappresenta l’ultimo atto del servizio sanitario nazionale, nel quarantennale della sua nascita. Si spegne definitivamente l’idea di universalità e la possibilità di curare equamente le persone secondo le loro personali necessità. Muore il finanziamento solidale, quel modello perequativo che, attraverso il fisco finanzia in modo giusto i bisogni di salute dei poveri e dei ricchi. Estremo addio, al contenuto di civiltà contenuto nell’art. 32 della Costituzione.

Saranno vanificati tutti gli sforzi finora fatti dalle Regioni provenienti da rigorosi piani di rientro, certamente giusti, che negli ultimi anni, hanno visto comprimere posti letto e servizi di sanità pubblica, ma che saranno lasciati al proprio destino fuori dal principio solidale e perequativo che una sanità pubblica degna di questo nome dovrebbe mantenere.

Nel complesso, insomma, un quadro dipinto da venti pittori diversi, tante quante sono le Regioni, ma con un unico colore predominante, ossia il nero delle tasse che ogni Regione potrà ovviamente porre in essere, perché l’unica condizione posta a questa “follia” è che tutto avvenga per lo Stato a “costo zero” cioè che le regioni si paghino le spese. Un costo zero che sarà pagato a caro prezzo dai cittadini del nostro Paese.

Tutto questo avviene, con un governo giallo/verde, che si disputa a suon di contraddizioni, lo spazio politico disponibile, con una sinistra alla deriva, disgustosamente compromessa, che ha venduto da tempo l’anima al pensiero neoliberista.

Nel programma di governo, c’è una contraddizione grande come una casa, da una parte si prevede il regionalismo differenziato ma dall’altra si ribadisce il valore irrinunciabile del servizio sanitario nazionale solidale e universale.

Credo che in questa faccenda, il ministro Grillo avrebbe potuto e dovuto mediare, avanzare delle proposte, trovare compromessi, fare alleanze. Anziché rimuovere la contraddizione con soluzioni alternative, ha preferito rimanere nella penombra proiettata dal mostro a due teste dell’attuale Governo.

Mentre la solidarietà muore, nello stesso tempo, in sanità si cancellano anche i diritti dei lavoratori, con la sottoscrizione di un contratto di comparto, basato sulla deregolazione del lavoro, un miserevole riconoscimento economico e ambigue prospettive di avanzamento di carriera, in cambio però riconosce agli operatori sanitari pubblici, la facoltà di farsi una mutua per loro e i loro famigliari contro loro stessi, cioè una mutua che integri ciò che loro fanno. Un paradosso nel quale, forse, anche Pirandello non si sarebbe mai spinto.

Sarà, dunque, un’offerta sanitaria disarticolata, quella che si prospetta, non consentendo cure adeguate e accessibili a migliaia di bisognosi nel territorio nazionale, una ottusa involuzione civile che, rischia di frantumare la sanità pubblica e dove le differenti offerte dei Sistemi Sanitari Regionali non consentiranno una crescita e un miglioramento omogeneo in termini di adeguatezza ed efficacia delle cure.

Insomma, c’è qualcosa di insano e di perverso in tutto questo, anziché costruire il cosiddetto quinto pilastro, che ridefinisca e affronti il concetto di cura e i bisogni delle persone, in una società sempre più complessa, si demolisce tutto, finanche le fondamenta.

The following two tabs change content below.

Emilio Benincasa

Infermiere presso U.O.C. Chirurgia Generale ARNAS Garibaldi Centro CT Dirigente sindacale NurSind. Da diversi anni impegnato nel Sindacato per il riconoscimento dei diritti della professione infermieristica e più in generale del lavoro e dei lavoratori. "QUALCUNO SI CREDE PIU' GRANDE DI TE SOLO PERCHE TU SEI IN GINOCCHIO: ALZATI !!" L.M. Prudhomme

Lascia un commento

Articoli in evidenza

MOBILITA' INFERMIERI S. MARCO CATANIA...STORIA DI UN SOGNO REALIZZATO

Cari colleghi, riceviamo e pubblichiamo con piacere questa missiva ricevuta da una collega che era stata esclusa INGIUSTAMENTE(Sentenza Tribunale di Mantova RG n°188/2019 dell'08/05/2019)dal bando di mobilità per il profilo professionale Infermiere e che oggi è vincitrice di detto bando. Questa Sentenza ...

Continua a leggere

MOBILITA' SAN MARCO CATANIA INFERMIERI GRADUATORIA DEFINITIVA...SCORRIMENTO FINO AL 145°POSTO

Finalmente dopo alcuni mesi di guerre anche nelle aule dei Tribunali(altre sentenze sono fissate per la prossima settimana tramite i legali del Nursind gli Avv. N.Piccione e A.Grasso) che potrebbero portare a nuove modifiche alla graduatoria  oggi con delibera N°1117 ...

Continua a leggere

MAXI SCORRIMENTO DELLA GRADUATORIA DI BACINO PER INFERMIERI NELLE PROVINCE DI CATANA MESSINA E ENNA

A pochi giorni dall'incontro in Assessorato tra una delegazione Nursind e l'Assessore alla Sanità R. Razza in cui si chiedeva nelle more dell'indizioni di nuovi concorsi e/o mobilità nella nostra regione dell'utilizzo della graduatoria di bacino per il profilo sanitario ...

Continua a leggere

LA ASP DI PALERMO BANDISCE UN CONCORSO E DIMENTICA GLI INFERMIERI

La Direzione Generale dell'ASP di Palermo ha annunciato che venerdì 31 maggio prossimo, sarà pronto un bando per complessivi 377 posti a tempo indeterminato per sia dell’area del comparto (117) di cui (68) riservati ai disabili, che della dirigenza (192) Ebbene, ...

Continua a leggere

Un Nuovo Servizio Gratuito Riservato Esclusivamente Agli Iscritti NurSind a Tutela dei loro diritti di Consumatori.

Nursind fornisce supporto a 360 gradi anche a tutela del consumatore. Continuiamo incessantemente il nostro lavoro al fine di dare ai nostri iscritti una vasta gamma di servizi e assistenza esclusiva. Nuova convenzione  NurSind, per offrire agli iscritti al sindacato un ...

Continua a leggere

AO CANNIZZARO: Fasce retributive (P.E.O.) NurSind chiede lo scorrimento della graduatoria degli aventi diritto

La Segreteria Provinciale del NurSind di Catania, preso atto che, l'Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania con la Delibera n°1019 del 26/04/2019 ha stabilito in via provvisoria le somme che costituiscono il fondo premialità e fasce così come previsto all'art. 81 ...

Continua a leggere

Assunzioni per mobilità Ospedale S. Marco: NurSind vince i ricorsi contro l'esclusione dalla mobilità.

Cari colleghi, con piacere Vi comunichiamo che i Giudici hanno accolto le istanze di ricorso contro esclusione dalla procedura di mobilità S. Marco di Catania di alcune colleghe Infermiere condannando l'Azienda alla rifusione delle spese di lite sostenute.In allegato troverete gli ...

Continua a leggere

Contatore visite
  • 573479Totale letture:
  • 375702Totale visitatori:
  • 8Oggi:
  • 1Utenti attualmente in linea: