ANCORA IN ALTO MARE IL CONTRATTO SANITA’

Qualche giorno fa l’amico Emilio Benincasa scriveva “E’ FINITO IL TEMPO DELLE MELE… E DEL LAMENTO”.

 

Gli infermieri con tutti i professionisti della salute che operano nel comparto ancora nel CAOS, dopo anni di blocco contrattuale, dopo una prima illusione, anche sè deludente, si riparte e non si sa di chi è la colpa. Non è propaganda elettorale per le RSU, ma se prima c’erano dubbi, adesso non esistono scusanti. VOGLIAMO USCIRE DA QUESTO MINESTRONE DI COMPARTO, E AVERE UN TAVOLO DI TRATTATIVA PER SOLO INFERMIERI.
VOTA IL TUO COLLEGA, VOTA LA LISTA NURSIND, VOTA L’UNICA LISTA CHE TI RAPPRESENTA E CHE VERAMENTE IN QUESTI ANNI TI HA RAPPRESENTATO

Che la nella triade sindacale, non abbiano compreso il testo del nuovo Contratto Collettivo, o peggio non l’abbiano mai letto, è assodato.
La prova risiede nelle 34 modifiche al testo che hanno reso note ed inviate all’Aran.
E così se prima era un “il miglior contratto” che si potesse ottenere, a dir loro, e l’organizzazione sindacale NurSind era stata tacciata di “complottismo” pro RSU, se ci si appresta a leggere la revisione proposta dalla triade, con modifiche sostanziali e non solo di forma in alcuni frangenti, non si può che essere certi che quello che il NurSind non ha firmato è un contratto da rifare e che i firmatari hanno detto un Sì puramente politico.
CGIL, CISL, UIL hanno una crisi d’identità, si sono arrabbiati con chi ha firmato la preintesa del ccnl sanità, cioè con loro stessi. Per questo e dopo le proteste del NURSIND che non ha firmato questa vergognosa preintesa ai danni degli Infermieri, chiedono adesso le modifiche. La commedia dei scarsi commedianti….
Tutti uniti e con il nostro voto alle RSU, li dimostreremmo che non siamo più i burattini nelle loro mani, ma gli Infermieri che meritano il rispetto, gli Infermieri che decidono il loro futuro da soli.
Gli Infermieri che sono ancora iscritti ancora con la triplice ? Non commentiamo, lasciamo libera interpretazione ai colleghi……
 

Oggi tutto questo è rafforzato da quanto sta accadendo “L’Aran, dopo la firma del 23 febbraio scorso ha deciso di prendere tempo con la Corte dei conti. Così oggi, all’indomani delle festività pasquali, i magistrati contabili non hanno in mano nulla su cui deliberare. Al contrario del contratto delle Funzioni pubbliche, per cui la Corte dei conti si è già espressa definendolo deludente, quello della sanità resta al palo.”

l’intervista integrale dell’On. Cecconi un infermiere che rappresenta la Categoria alla Camera dei Deputati.

The following two tabs change content below.

Vincenzo Neri

Segretario Aziendale NurSind Garibaldi - Componente Direttivo Provinciale - Revisore dei Conti NurSind Nazionale - Infermiere con esperienza ventennale in Area Critica. La consapevolezza del nostro ruolo, la conoscenza delle norme, l'aggiornamento professionale e la passione per la nostra amata professione mi spingono a dare il mio contributo alla categoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *