Mancano i reagenti per fare i test ai sospetti per Coronavirus. Al Garibaldi Centro Vengono comunque effettuati.

“A seguito della mancata fornitura di reagenti per la diagnosi di Covid-19 i campioni pervenuti a questo laboratorio verranno conservati a temperatura controllata”.

È quanto si legge in una comunicazione a firma del direttore del laboratorio centralizzato analisi del Policlinico di Catania diretta al direttore generale. La lettera porta la data di ieri 28 marzo 2020. Nella missiva si aggiunge anche che “i campioni sono comunque a vostra disposizione per l’eventuale ritiro”.

 

Da ieri dunque non si possono diagnosticare i tamponi per il Coronavirus nella struttura ospedaliera etnea. Ciò accade per una nuova grave carenza della sanità catanese.

Alle mascherine e al disinfettante ora si aggiungono anche i reagenti per i campioni eseguiti.

Il dato sul numero dei contagiati nella provincia di Catania ieri risultava confortante. Solo più 6 rispetto al giorno precedente.  A questo punto ci chiediamo se il dato di solo 6 contagi nella provincia non sia sottostimato da questo fatto che costituisce una certa gravità.  

Comunque ci fanno sapere che il laboratorio del Garibaldi Centro riesce ad effettuare gli esami e a breve anche quello di Nesima. 

Abbiamo chiesto i tamponi a tutti i sanitari all’inizio dell’epidemia. Musumeci dopo qualche giorno(era il 20 marzo) ha dichiarato che tutti avrebbero fatto l’esame. Ad oggi scopriamo che in una certa misura non si riescono a fare neanche i tamponi ordinari. E’ veramente sconfortante poichè ci sono stati colleghi che hanno dovuto attendere un tampone per oltre 3 giorni prima di sapere essere negativi, ma nel frattempo hanno dovuto abbandonare i propri familiari per paura di trasmettere un eventuale contagio.

The following two tabs change content below.

Salvo Vaccaro

Segretario Provinciale NurSind Catania - Componente Direzione Nazionale NurSind. Da 20 anni impegnato nella tutela e valorizzazione della professione e dei professionisti infermieri. "L'amore per la professione mi ha spinto sui passi dell'autorappresentanza"

Lascia un commento