CONTRATTO FIRMATO: LUCI ma sopratutto OMBRE

Cari colleghi,

vi scrivo  sono di ritorno con il pullman dopo essermi ripreso dall’estenuante tour de force che ci ha visti chiudere la trattativa in ARAN per il rinnovo del CCNL del comparto sanità. Una trattativa che finalmente ha visto gli infermieri in LOTTA per ottenere le loro rivendicazioni.

E chiaro che non potevamo firmare un contratto che non valorizza gli infermieri; nondimeno la nostra partecipazione si è rivelata fondamentale affinché il testo contrattuale fosse migliorato. Ci siamo battuti con tutte le nostre energie ed abbiamo portato a casa anche l’inserimento della vestizione/svestizione e consegne professionali dentro il contratto nazionale, forti delle vittorie in tutti i tribunali d’Italia. Sono convinto che ora molti cavalcheranno questa vittoria quando l’hanno in verità ostacolata; ma noi andiamo avanti, nella certezza di avere profuso ogni sforzo per dare valore a chi in passato valore non ha ricevuto.

La piazza è stata fondamentale. Ha esercitato la giusta pressione sindacale al tavolo e ci ha dato sostegno morale affinché quella rabbia, che proveniva dagli scioperanti, animasse la nostra azione azione sindacale al tavolo contrattuale.

Il mio ringraziamento particolare va a tutti i colleghi che hanno scioperato e “resistito” sotto la pioggia e a chi, precettato, ha garantito il servizio.

Grazie.

Salvo Vaccaro

 

Di seguito il comunicato Nazionale:

 

Roma, 23 febbraio – “Un testo irricevibile che non abbiamo sottoscritto. Quello che è stato firmato oggi, infatti, è un mero contratto politico. E la presenza del ministro Madia ne costituisce la prova lampante. Per tacere delle scadenze elettorali che hanno impresso un’incredibile accelerazione al tavolo, una vera e propria corsa, ancora più stridente se paragonata ai nove anni di stallo contrattuale”.

Dopo il via libera al contratto per il comparto sanità, è questo il giudizio tranchant espresso da Andrea Bottega, segretario nazionale Nursind, che ha partecipato alla lunga maratona notturna all’Aran e che ha promosso oggi lo sciopero nazionale ed il sit-in a Roma degli infermieri.

Questa intesa – rimarca il sindacalista – non dà risposte concrete ai molti problemi che affliggono il personale infermieristico, vera garanzia di qualità del Servizio sanitario nazionale”. Nel merito del testo, Bottega punta l’indice soprattutto contro “le mancate risposte su indennità ed esigibilità dei diritti, a riprova di un rispetto solo formale e non sostanziale della nostra professione” e, sul piano economico, “contro un aumento contrattuale inferiore agli 85 euro promessi”. Il segretario nazionale Nursind promette battaglia: “Adesso sottoporremo il testo al giudizio degli iscritti e insieme decideremo le prossime mosse. Non escludo – conclude – che ci saranno nuove mobilitazioni. D’altronde la contrarietà a questo accordo al ribasso è evidente già oggi, guardano alla folta presenza di infermieri al sit-in di piazza Santi Apostoli a Roma e alla grande adesione alle 24 ore di sciopero nazionale ancora in corso”. 

The following two tabs change content below.

Salvo Vaccaro

Segretario Provinciale NurSind Catania - Componente Direzione Nazionale NurSind. Da 20 anni impegnato nella tutela e valorizzazione della professione e dei professionisti infermieri. "L'amore per la professione mi ha spinto sui passi dell'autorappresentanza"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.